Presentazione

La soluzione ai problemi sociali ed ecologici più pressanti e complessi legati al cambiamento climatico si fonda su modelli sostenibili di come l’energia può essere generata, posseduta ed utilizzata.

La produzione di energia è una condicio sine qua non dello sviluppo e del benessere della popolazione. Al fine di promuovere il successo del processo della transizione ecologica ed energetica, è cruciale riconoscere ai consumatori un ruolo focale, rendendoli sempre più attivi e partecipi al mercato dell’energia.

Proprio in quest’ottica si pongono le comunità energetiche, ecosistemi intelligenti ed interattivi, dove l’uso delle fonti rinnovabili non si pone piú come prerogativa esclusiva dei titolari degli impianti, ma può creare forme di condivisione tra i più, mettendo in relazione vari profili di rilievo non solo energetico, ma anche ambientale, sociale, tecnologico ed economico.

La doverosa promozione della transizione energetica e le sfide ad essa connesse, ci hanno spinto a riesaminare i modelli di produzione e consumo della nostra società, portando negli ultimi anni ad una maggiore attenzione al decentramento dei prodotti nelle regioni e nelle città extraurbane. Il cambio di prospettiva, attraverso un approccio dal basso verso l’alto, consente di attuare delle azioni territoriali mirate ad una maggiore partecipazione dei cittadini, e combina soluzioni tecnologiche di efficienza energetica e decarbonizzazione con notevoli benefici sociali ed economici.

Attualmente, in molti paesi del mondo, sono state attivate varie iniziative di autoconsumo collettivo e di comunità energetiche, dimostrando il loro potenziale di trasformatore sociale per il fatto di facilitare l’adozione di comportamenti eco-sostenibili.

Come noto, nel 2019, l’Unione Europea ha concluso l’approvazione del pacchetto legislativo “Energia pulita per tutti gli europei” (CEP – Clean Energy Package), composto da otto Direttive che regolavano temi energetici, tra cui: prestazioni energetiche negli edifici, efficienza energetica, energie rinnovabili, mercato elettrico.

Le direttive europee, stabilite dal CEP e recentemente recepite dal legislatore italiano con i Decreti 199 e 210 dello scorso dicembre 2021, mirano a definire quadri giuridici adeguati a consentire la transizione energetica e dare un ruolo centrale ai cittadini nel settore dell’energia. Di particolare rilievo, sul punto, sono state le direttive 2001/2018, nota anche come RED II, e la successiva Direttiva 944/2019, le quali rappresentano il trait d’union tra l’attuale struttura del mercato energetico – come risultante dall’imponente quadro riformistico avviato sin dai primi anni ’90 – e gli ambiziosi obiettivi posti e delineati nel famoso accordo di Parigi del 2015.

Il convegno, nella prima giornata, passando in rassegna le esperienze scientifiche degli studiosi della materia nonché le esperienze pratiche di chi è attivamente impegnato sul campo, mira a mettere in luce come l’innovazione tecnologica, un’adeguata informazione e sensibilizzazione sulla materia attuata a livello sociale, facendo accrescere la consapevolezza sull’uso dell’energia, consentono di creare comunità energetiche rinnovabili e di cittadini economicamente e socialmente sostenibili.

La seconda giornata del convegno, incentrata sull’embrionale settore dell’agrivoltaico, in cui l’energia verde sposa l’agricoltura, intende rappresentare un’opportunità di promozione di una possibile integrazione tra la tecnologia fotovoltaica e la produzione agricola in generale.

La combinazione tra agricoltura ed impianti fotovoltaici può apportare benefici per il territorio e l’ambiente, puntando alla produzione di energia rinnovabile oltre che a consentire miglioramenti alle colture agricole, nonché la regolazione del clima locale e la conservazione delle acque.

Quanto alle tecnologie di installazione, esistono molteplici possibilità, ma si mira a previlegiare strutture di montaggio ad inseguimento solare con un’altezza tale da consentire il passaggio dei mezzi agricoli, senza compromettere il naturale sviluppo delle piante, oltre ad essere efficacemente distanziati secondo opportune ottimizzazioni. La rilevanza dell’agrivoltaico emerge dai notevoli stanziamenti di fondi previsti dalla Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che ad oggi si stima possa ammontare ad 1,1 miliardi di euro, puntando ad istallare 1,04 GWp di impianti fotovoltaici auspicando in tal senso una riduzione di 0,8 milioni di tonnellate di CO2.

Emerge come l’agrivoltaico si prospetti come un’iniziativa di sviluppo sostenibile tendente ad un impiego efficiente di tutte le risorse, a beneficio di tutti gli stakeholders attraverso la creazione di un valore condiviso per le comunità locali che accoglieranno l’impianto e la promozione di nuovi modelli di business integrati.

Allora, è davvero possibile creare una sinergia in modo virtuoso tra energia, nuove tecnologie, agricoltura e conservazione del paesaggio?

A questa domanda ed ai possibili scenari che si possono palesare, sfatando il mito relativo al consumo del suolo e, con un focus su quali benefici ci possiamo aspettare da una positiva sinergia tra fotovoltaico e agricoltura, cercheremo di dare una risposta nel corso delle discussioni che si innescheranno tra esperti ed imprenditori sui temi oggetto del convegno.

Il Programma

Prima giornata

LE COMUNITà Energetiche

09.30 – 09.45 La politica aziendale nel campo delle energie rinnovabili

Ing. Cataldo Rocco Romeo - Amministratore Unico della Fotovoltaica s.r.l.

09.45 – 10.15 Saluti istituzionali - Ministero della Transizione Ecologica

10.15 – 10.30 Il contributo dell’Università nella transizione energetica

Prof.ssa Francesca Guerriero – Direttrice Dipartimento DIMEG, Università della Calabria

10.30 – 11.15 Le Comunità Energetiche tra profili giuridici e tecnici

Dott.ssa Maria Francesca Lucente SCARICA LA RELAZIONE
PhD Researcher, Università di Camerino – Fotovoltaica s.r.l.

Ing. Deborah Iazzolino SCARICA LA RELAZIONE
Fotovoltaica s.r.l.

11.45 – 12.00 Le strategie di intervento e i servizi offerti da Fotovoltaica s.r.l. per la transizione energetica

Dott. Giovanni Romeo - Socio della Fotovoltaica s.r.l.

12.00 – 12.40 I principali strumenti messi a disposizione dagli istituti di credito in campo energetico: le opportunità rese da BCC Centro Calabria

Dott. Luigi Duranti - Responsabile Corporate Centro Sud e Coordinatore per il Gruppo Cassa Centrale Banca del PNRR
Dott. Giuseppe Stanizzi - Direttore Generale di Banca Centro Calabria

12.40 – 13.00 I servizi offerti dal GSE nell’era della transizione energetica

Ing. Federica Ceccaroni SCARICA LA RELAZIONE
Funzione Affari Regolatori (GSE)

13.00 – 13.30 La prima Comunità Energetica: Comune di AMENDOLARA

Avv. Salvatore Antonio Ciminelli - Consigliere presso il Comune di Amendolara

Conclusioni

Ing. Cataldo Rocco Romeo

Modera

Dott. Massimiliano Niccoli

Il programma

La seconda giornata

Gli investimenti nell'agrivoltaico

09.30 – 10.00 La politica aziendale nel campo delle energie rinnovabili

Ing. Cataldo Rocco Romeo Amministratore Unico della Fotovoltaica s.r.l.

10.00 – 10.30 Interazione tra fotovoltaico e agronomia

Prof. Demetrio Antonio Zema SCARICA LA RELAZIONE
Associate Professor in Agricultural Hydraulics and Watershed Protection, Dipartimento AGRARIA, Università Mediterranea di Reggio Calabria

Prof. Agostino Sorgonà Associate Professor in Agriculture Chemistry, Dipartimento AGRARIA, Università Mediterranea di Reggio Calabria

10.30 – 11.30 Investimenti nel fotovoltaico e nel biometano con fondi del PNRR: il supporto di Intesa Sanpaolo agli imprenditori agricoli

Ing. Giuseppe Dasti - Resp. desk Energy & Utilities - Banca Intesa Sanpaolo
Dott.ssa Caterina Trentinella - Direttore Area Imprese - Banca Intesa Sanpaolo

11.45 – 12:15 Sfide ed opportunità dall'integrazione tra produzioni agricole ed energetiche: la ricerca necessaria

Dott. Nicola Colonna SCARICA LA RELAZIONE
Task Force ENEA Agrivoltaico Sostenibile

12.15 – 12.30 Le esigenze nel campo energetico degli agricoltori meridionali: Coldiretti

Ing. Franco Aceto – Presidente Coldiretti Calabria

12.30 – 12.45 Le esigenze nel campo energetico degli agricoltori meridionali: Confagricoltura

Dott. Alberto Statti – Presidente Confagricoltura Calabria

12.45 – 13.00 Le esigenze nel campo energetico degli agricoltori meridionali: Confederazione Italiana Agricoltori

Dott. Francesco Mazzei – CIA Agricoltori Calabria Nord

Conclusioni

Ing. Cataldo Rocco Romeo

Modera

Dott. Massimiliano Niccoli

Allegati

Le relazioni del convegno

Parlano di noi

cnews

Comunità energetiche in Calabria, la nuova sfida del fotovoltaico

Andiamo adesso a Rende per una due giorni di dibattito sulla nuova sfida del fotovoltaico: quella di promuovere le comunità energetiche e rendere i centri abitati indipendenti sotto il profilo dell’approvvigionamento.
corriere

Comunità energetiche e transizione eco: il convegno, firmato Fotovoltaica, registra grande successo

Il successo della transizione ecologica ed energetica non può passare solo dalle azioni istituzionali, è fondamentale il contributo dei singoli cittadini con azioni concrete, come la costituzione delle comunità energetiche.
Tgr-Rai-Calabria

Romeo Group Fotovoltaica Srl Convegno Cosenza Servizio Rai 3 Calabria edizione 14 30 09 02

Convegno del 5 e 6 Aprile 2022 organizzato da Fotovoltaica Srl – Le opportunità della transazione ecologica ed energetica: le comunità energetiche e gli investimenti nell’agrivoltaico.
adn

La transizione energetica in Calabria sul tavolo del convegno organizzato da Fotovoltaica. Grande successo e partecipazione

Cosenza, 11 aprile 2022. Il successo della transizione ecologica ed energetica non può passare solo dalle azioni istituzionali, è fondamentale il contributo dei singoli cittadini con azioni concrete, come la costituzione delle comunità energetiche.
sicilia

La transizione energetica in Calabria sul tavolo del convegno organizzato da Fotovoltaica. Grande successo e partecipazione

Cosenza, 11 aprile 2022. Il successo della transizione ecologica ed energetica non può passare solo dalle azioni istituzionali, è fondamentale il contributo dei singoli cittadini con azioni concrete, come la costituzione delle comunità energetiche.
padova

La transizione energetica in Calabria sul tavolo del convegno organizzato da Fotovoltaica. Grande successo e partecipazione

Cosenza, 11 aprile 2022. Il successo della transizione ecologica ed energetica non può passare solo dalle azioni istituzionali, è fondamentale il contributo dei singoli cittadini con azioni concrete, come la costituzione delle comunità energetiche.
corriere

Comunità energetiche ed agrivoltaico, grande successo per il convegno sulle opportunità per la transizione energetica in Calabria

Il successo della transizione ecologica ed energetica non può passare solo dalle azioni istituzionali, è fondamentale il contributo dei singoli cittadini con azioni concrete, come la costituzione delle comunità energetiche.

Richiedi un preventivo

A quale servizio sei interessato?
Allega il tuo progetto